Copy

La modernità di Dante Alighieri

 
Il viaggio immaginario descritto da Dante nella Divina Commedia inizia nella primavera del 1300, e ci fornisce ancora oggi degli spunti interessanti nel dibattito economico e sociale.

Dal 2020, la giornata del 25 marzo si chiama Dantedì, poiché secondo gli studiosi potrebbe corrispondere alla data in cui il sommo poeta intraprese suo il viaggio.

Nel numero di oggi, trovate il nostro contributo  che celebra il padre della lingua italiana e la sua incredibile modernità.

Buona lettura e buon ascolto (voce e musica Marco Chiappini).

Dante, un uomo del suo tempo

In principio fu la Commedia, proprio perché vi si racconta la Commedia umana, nel bene e nel male. Fu Giovanni Boccaccio, nato nel 1313, anche autore di una biografia su Dante, a dare alla Commedia l’appellativo di Divina, per sottolinearne la natura teologica. Leggi l'articolo e ascolta il podcast.

Popolo di santi, poeti, navigatori...e peccatori

Il viaggio inizia in una selva oscura, un bosco buio che conduce al vestibolo o antinferno, cioè l’ingresso della parte più bassa dell’aldilà. Leggi l'articolo e ascolta il podcast

Una bolgia!

Molti dei peccati di cui si sono resi colpevoli i dannati dell'Inferno dantesco erano legati a quel periodo storico, ma alcuni sono ancora molto attuali. Continua a leggere e ascolta il podcast.

Ci vediamo tra due venerdì! 

Share Share
Forward Forward






This email was sent to <<Email Address>>
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Anna Quaranta · Via Alessandro Piola Caselli 165 · Lido Di Ostia, RM 00122 · Italy

Email Marketing Powered by Mailchimp