Copy
Newsletter mensile, anno 16 n.6
Dicembre: Mese della prevenzione e cura delle malattie
LETTERA DEL PRESIDENTE DEL CLUB

Cari amici,

A dicembre il Rotary ci fa riflettere sulla Prevenzione e cura delle malattie; per poter essere di aiuto alle popolazioni che non possono permettersi o avere accesso alle cure mediche di base che nel mondo sono 400 milioni - 1 persona su 6 infatti non ha i mezzi finanziari per farsi curare - i rotariani operano su più fronti, provvedendo ad educare e ad insegnare la prevenzione di certe malattie e nello stesso tempo a fornire i mezzi necessari per diminuirne la diffusione; vengono allestite cliniche mediche, postazioni per le donazioni di sangue e centri per la formazione sanitaria.

Siamo impegnati su vari fronti per combattere: HIV/AIDS, Alzheimer, sclerosi multipla, diabete e polio.
La prevenzione è molto importante, ci permette di arrivare in anticipo, di insegnare a difendersi dalle malattie e ad evitarle. Oggi si parla molto di prevenzione intesa come mantenimento dello stato di salute ma altrettanto importante è la prevenzione che ci permette di non ammalarci o di potere limitare la gravità della malattia, difendendoci da certe patologie.

L’abbiamo imparato purtroppo nella nostra quotidianità in questa Pandemia: mascherine, distanziamento, lavaggio delle mani e soprattutto la vaccinazione ci stanno aiutando a non ammalarci.
Se pensiamo al nostro ruolo di rotariani, abbiamo sempre lavorato per insegnare e formare le popolazioni che non hanno la possibilità economica e culturale all’approccio e alla difesa dalle malattie, fornendo loro il concetto di vaccinazione, e quindi di prevenzione.

La prevenzione agisce su più fronti: dal corretto stile di vita con una alimentazione equilibrata alla diagnosi precoce, permettendo di individuare una malattia all’inizio, avendo quindi più possibilità di guarigione. Stiamo attraversando un tempo molto difficile, la pandemia ci sta provando e mettendo a dura prova, ma con l’approccio giusto e il rispetto della scienza, possiamo vivere con più tranquillità questo periodo, sperando in una risoluzione veloce.

Dicembre è, però, soprattutto Natale.
Natale non è un tempo o una stagione, ma uno stato d’animo, non è importante cosa si trova sotto l’albero, ma la pace e la serenità che questo giorno riesce a donarci. Ecco il mio augurio più sincero e dal profondo del mio cuore: che tutti voi possiate passare delle Festività serene circondati dall’affetto dei vostri cari.

BUON NATALE!!!!!

A questo proposito vi ricordo la nostra Cena di Natale, lunedì 20 dicembre. Spero possiate partecipare numerosi per scambiarci gli auguri e passare una serata in allegria.

Maria Claudia Mattioli Oviglio
ROTARY CLUB BOLOGNA GALVANI
Riunioni del Club

Lunedì 6 dicembre
Hotel Savoia Regency, ore 20:15

Conviviale aperta a famigliari e ospiti con la presenza di tutti i Club del Gruppo Felsineo.

PRESENTAZIONE DEL SERVICE DISTRETTUALE "RISOAMICA"

Risoamica è un progetto di Bimbo Tu ed INSB Bellaria Bologna. Attraverso questo percorso, il nostro obbiettivo è quello di portare il piccolo paziente ad effettuare la risonanza magnetica senza anestesia generale. I Rotary Club del Gruppo Felsineo coordinati dal Rotary Club Bologna Galvani finanzieranno questa importante sperimentazione.

La serata sarà preceduta dalla presentazione delle attività della Sottocommissione Distrettuale Relazioni Internazionali di Supporto ai Progetti di Club.

Nella foto: I presidenti dei Club Felsinei e l’assistente del Governatore in visita a Risoamica

Lunedì 13 dicembre
Hotel Savoia Regency, ore 20:15
Conviviale aperta a famigliari e ospiti

LE GROTTE DEL PARCO DEI GESSI: UN PATRIMONIO NATURALE SCONOSCIUTO AI PIÙ…

Francesco Grazioli

Documentarista freelance e Photo Specialist presso ADCOM Srl Socio del Gruppo Speleologico Bolognese

Durante la proiezione ci immergeremo nel bellissimo scenario naturale del Parco dei Gessi bolognesi e calanchi dell’Abbadessa, un ambiente di grande pregio naturalistico sia fuori che sottoterra. Al seguito degli speleologi, visiteremo virtualmente alcune delle tante cavità che rendono così unico questo patrimonio carsico regionale, candidato a World Heritage presso l’UNESCO.

Lunedì 20 dicembre
Ore 20:30 Hotel Savoia Regency
Conviviale aperta a famigliari e ospiti

FESTA DEGLI AUGURI

Finalmente il RC Bologna Galvani si ritrova per lo scambio degli Auguri!
I soci, i familiari e gli ospiti sono tutti invitati.
Sarà l’occasione per stare insieme e festeggiare, riprendendo la nostra tradizionale pesca di beneficienza a sostegno dei nostri service.

Qualche foto del mese scorso

Colletta alimentare

In foto:
Maria Claudia, Chiara Xilo, il Governatore e Federica Ventura, presidente dell'Est.

Inaugurazione Risoamica
Erano presenti all’inaugurazione di Risoamica in data 18 novembre una rappresentanza dei presidenti dei Rotary felsinei, il primo cittadino Matteo Lepore, il direttore generale dell'Azienda Usl di Bologna Paolo Bordon, l'assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini collegato da remoto, la Presidente della Fondazione Marchesini ACT, Valentina Marchesini, oltre al presidente di Bimbo Tu APS, Alessandro Arcidiacono.
È stata poi letta una lettera da parte dell’Onorevole sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri.
UN RICONOSCIMENTO PER IL SERVICE SULLA PREVEZIONE ONCOLOGICA
Il riconoscimento – il “Premio Eubiosia – Franco Pannuti” – viene assegnato ogni anno alle aziende e realtà che sostengono la Fondazione ANT ed è stato consegnato ai Presidenti dei club di Bologna e al Governatori del Distretto Adriano Maestri e Stefano Spagna Musso.
Dal nostro Rotaract

Questo mese è stato piuttosto divertente e impegnativo, sono così fiera dei nostri soci per la loro partecipazione e dedicazione al Rotaract. A novembre, tre dei quattro weekend erano occupati da eventi, e tutti i soci erano carichi e presenti! Ora a dicembre ci aspettano altri eventi particolari, come l’interclub a Brescia e l’interclub con il Bologna Valle del Savena per ospitare la prima conferenza del ciclo “Diritti e Democrazia.” Noi capiamo fino in fondo il vero spirito del Rotaract: fare service per creare amici e divertirci!
Carlee, Presidente Rotaract

Auguri a...
Tanti auguri di buon compleanno a:

LA ROCCA CLOTILDE il giorno: 7/12
FERRANDINO MICHELE il giorno: 26/12
DONATI LUDOVICA il giorno: 27/12

DAL DISTRETTO 2072 E DAL ROTARY INTERNATIONAL
Lettera Governatore del Distretto 2072
siamo entrati nel mese di dicembre, dedicato alla prevenzione e alla cura delle malattie,
un’area di intervento importantissima, che la nostra Fondazione dimostra con dati pesanti dalla stessa forniti:
  • Un miliardo di persone soffre a causa di malattie tropicali non curate;
  • 2,4 milioni di medici, infermieri e operatori specializzati sono richiesti in tutto il mondo, in particolare in 57 Paesi;
  • Ogni anno 100 milioni di persone sono ridotte in povertà a causa dei costi sanitari;
  • 1 persona su 6 nel mondo non ha mezzi finanziari per farsi curare.
Pensare che tutto possa risolversi grazie alle sovvenzioni della nostra Fondazione è ovviamente utopistico ma tanto possiamo fare insieme ad essa.
Ad es. possiamo sostenere programmi di educazione sanitaria per prevenire la diffusione delle malattie e ridurre il rischio di trasmissione;
possiamo collaborare nelle campagne di vaccinazione contro le malattie infettive (ed in questo noi rotariani siamo dei maestri per tutti i decenni di lotta alla poliomielite e anche in riferimento ad altre malattie infettive che hanno così fortemente cambiato i nostri stili di vita ;
possiamo finanziare la formazione continua per gli operatori sanitari tramite borse di studio, elargizione di stipendi e riconoscimento pubblico;
possiamo migliorare e ampliare l’accesso alle cure mediche gratuite e a basso costo nelle aree svantaggiate.”

Stefano e Mirta
Messaggio mensile del Presidente Internazionale
Shekhar Mehta P.I. 2021/2022

“Come Rotariani, noi crediamo che la salute e il benessere siano un diritto umano - anche se 400 milioni di persone nel mondo non hanno accesso ai servizi sanitari essenziali. L’opera che facciamo creando cliniche, ospedali oculistici e banche del sangue, e costruendo infrastrutture mediche nelle comunità meno servite, tutto ritorna ad una convinzione centrale che l'accesso, la prevenzione e l'educazione sono le chiavi per fermare le epidemie mortali che danneggiano i più vulnerabili.

La mia esposizione all'opera sanitaria è iniziata con il mio Rotary club, Calcutta-Mahanagar. Lì, tra le altre cose, ho aiutato ad avviare un programma chiamato Saving Little Hearts che, nel corso degli anni, ha fornito oltre 2.500 interventi cardiaci gratuiti ai bambini di India, Pakistan, Bangladesh, Nepal e Africa. Prima che il programma diventasse internazionale, è iniziato a livello locale con l'obiettivo di eseguire solo sei interventi nella nostra comunità. Oggi, il nostro obiettivo è di completare altri 20.000 interventi nei prossimi cinque anni.”

Shekhar Mehta

Il Presidente del RI, Shekhar Metha, esorta i Paesi al COP26 a proteggere le mangrovie

Il Presidente del Rotary International Shekhar Mehta si è unito alla delegazione del Rotary alla 26ª Conferenza delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow, Scozia, il 10 novembre per esplorare i modi in cui il Rotary può lavorare sulle sfide ambientali, tra cui il ripristino delle mangrovie, un ecosistema cruciale che può mitigare gli effetti del cambiamento climatico nelle aree costiere.

Il summit sul clima, noto anche come COP26 (abbreviazione di Conference of the Parties), ha riunito quasi 100 capi di stato e di governo per un periodo di due settimane per stabilire nuovi obiettivi per le emissioni di combustibili fossili. Questa è stata la prima volta del Rotary alla conferenza annuale.
 

Nella foto: ll Presidente del Rotary International, Shekhar Mehta (al centro, prima fila) ha condotto una tavola rotonda sull'importanza di ripristinare e salvare le mongrovie alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite il 10 novembre 2021 a Glasgow, Scozia. All'incontro hanno partecipato rappresentanti da oltre 20 Paesi.
BOLOGNA, O CARA...
(Un omaggio alla nostra città a cura del Prof. Franchino Falsetti)
Villa Ghigi

“Il Parco. Questo è uno dei più grandi (29 ettari) e dei più gradevoli di Bologna. Domina in tutta la sua estensione la piccola valle sottostante, un tempo nota come Valverde. Qui vi si trovavano tutte le caratteristiche del paesaggio delle prime colline.[…] Nel parco convivono armoniosamente prati, campi, vigneti, pregevoli esemplari arborei sia esotici sia autoctoni.[…] Dalla fine dell’inverno fino a primavera inoltrata, le fioriture si succedono nel sottobosco e nei prati: quella dei tulipani (il parco ne contiene numerose specie) è divenuta molto popolare per i suoi colori vivaci. Anche le specie animali sono molto numerose e varie: scoiattoli, ghiri, cince, pettirossi, capinere, picchi, orbettini, ramarri e, in estate, lucciole e cervi volanti.
La Villa. Dopo aver superato una casa colonica, si raggiunge Villa Ghigi (che non è possibile visitare), un austero edificio del XIX secolo, ma con un impianto molto antico. Appartenuta nel ‘600 alla potente famiglia dei Malvezzi, la villa venne acquistata nel 1874 dall’avvocato Callisto Ghigi. Uno dei suoi figli, Alessandro Ghigi, zoologo di grande fama e rettore dell’Università di Bologna, vi abiterà tutta la vita. La lunga loggia custodisce begli affreschi che riproducono immagini di paesaggi con rovine, realizzati dalla scuola di Martinelli”.
Spigolature…

La notte (Dino Campana – Canti Orfici,1914)


“Ricordo una vecchia città, rossa di mura e turrita, arsa sulla pianura sterminata nell’Agosto torrido, con il lontano refrigerio di colline verdi e molli sullo sfondo. Archi enormemente vuoti di ponti sul fluire impaludato in magre stagnazioni plumbee: sagome nere di zingari mobili e silenziose sulla riva: tra il barbaglio lontano di un canneto lontane forme ignude di adolescenti e il profilo e la barba giudaica di un vecchio e a un tratto dal mezzo dell’acqua morta le zingare e un canto, da la palude afona una nenia primordiale monotona e irritante: e del tempo fu sospeso il corso.
Inconsciamente io levai gli occhi alla torre barbara che dominava il viale lunghissimo dei platani. Sopra il silenzio fatto intenso essa riviveva nel suo mito lontano e selvaggio mentre per visioni lontano, per sensazioni oscure e violente un altro mito anch’esso mistico e selvaggio mi ricorreva a tratti alla mente. Laggiù avevano tratto le lunghe vesti mollemente verso lo splendore vago della porta le passeggiatrici, le antiche: la campagna intorpidiva allora nella rete dei canali fanciulle dalle acconciature agili, dai profili di medaglia, sparivano a tratti sui cartellini dietro gli svolti verdi. Un tocco di campana argentino e dolce di lontananza: la Sera.[…]”
Redatto dal Rotary Club Bologna Galvani, Comm. Amministrazione del Club a.r. 2020-2021
Per saperne di più seguiteci su:
Website
LinkedIn
Facebook
YouTube
Copyright © 2021 Rotary Club Bologna Galvani.
club@www.rotarybolognagalvani.org
www.rotarybolognagalvani.org

Vuoi non ricevere più queste e-mail?

Email Marketing Powered by Mailchimp