Copy

Presentazione


Care e cari amici dell’ACP,
con ADV di gennaio vi ricordiamo, come di consueto in questo periodo dell’anno, di rinnovare la quota associativa per il 2015 e di farlo entro il 31 marzo.
Anche quest'anno potete farlo direttamente da casa vostra collegandovi al portale www.acp.it e utilizzando una delle modalità presenti nella pagina “Come iscriversi”.
Come sapete la quota di iscrizione rappresenta l’unica voce di entrata per la vita e il sostentamento della nostra Associazione, che non accetta sponsorizzazioni dall'industria di latti e alimentazione per l'infanzia per nessuna delle sue attività, né per la rivista Quaderni ACP, né per i nostri tre congressi: il nazionale, Tabiano e Gli Argonauti.
Le quote associative restano invariate e sono diversificate per:
Socio ordinario: €.100,00 Specializzando: €.10,00 Infermieri pediatrici e non sanitari: €.30,00.
Anche quest’anno rinnoviamo la campagna "Porta un amico in ACP" e vi ricordiamo che se fate iscrivere all'ACP un vostro amico che non è mai stato socio o non lo è più da 5 anni: per lui l'iscrizione per il 2015 è di solo 50 euro, mentre voi concorrete all'iscrizione gratuita al prossimo Congresso Nazionale ACP che si terrà a Napoli dal 15 al 17 ottobre 2015.
Si è riunito già due volte il Tavolo tecnico ministeriale ACP, Fimp e Sip, dalla cui fruttuosa collaborazione è nato un documento condiviso dalle tre società scientifiche sull'inutilità dell'ECG per la pratica sportiva non agonistica e consegnato al direttore generale del ministero (dott.ssa Ugenti), nella speranza di riuscire a far modificare una legge davvero strana e per molti versi incomprensibile.
Inizia tra poco la stagione dei nostri congressi: Tabiano (20-21 febbraio), Gli Argonauti a Bari (27-28 marzo) ed infine il Congresso nazionale che si terrà a Napoli dal 15 al 17 ottobre.
In questo modo i nostri soci unitamente alla FAD di Quaderni acp possono coprire buona parte dei crediti formativi richiesti.
Un altro buon motivo per iscriversi all'ACP!
 
Buona lettura,
Paolo Siani

...Venti di sanità




 
Boom di allergie tra i bambini e allora avanti con i probiotici. L’Organizzazione mondiale per le allergie (Wao) raccomanda, per la prima volta, l'uso dei probiotici come strumento di prevenzione. La validazione scientifica dei benefici per la salute di questi microrganismi alimentari è presente nelle nuove linee guida internazionali per la prevenzione delle allergie, elaborate da un gruppo di lavoro coordinato dall'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. In particolare, è emerso che la somministrazione di probiotici in gravidanza, durante l'allattamento materno e al bambino dopo la nascita riducono sensibilmente il rischio di sviluppare allergie, in particolare l'eczema cutaneo. Il documento, appena pubblicato sul Wao Journal, è stato presentato nel congresso internazionale ''Allergie in età pediatrica: dal mito alla realtà - EBM prevention of pediatric allergy'' promosso da Wao e Bambino Gesù, alla presenza dei maggiori esperti mondiali del settore. In 20 anni il numero di allergici si è triplicato: dal 7 al 25%. L’allergia è considerata una “malattia del mondo sviluppato”. Le allergie certificate dalla Wao sarebbero causate dal diminuito contatto con alcuni elementi naturali (gli animali, per esempio), dalla qualità dell’aria che si respira, dai nuclei familiari ridotti (i primogeniti o i figli unici sono a maggior rischio di malattia allergica) e dalla minore esposizione al sole. Tutti fattori che intervengono a modificare il sistema immunologico predisponendo, soprattutto i più piccoli, allo sviluppo di allergie. Per l’elaborazione delle nuove linee guida Wao per la prima volta in questo ambito è stato adottato il metodo Grade: un sistema in 10 fasi per la formulazione di raccomandazioni scientificamente fondate, applicabili in tutti i contesti e svincolate da influenze esterne (dall’interesse commerciale agli eventuali pregiudizi dei clinici). I probiotici sono microrganismi vivi che possono apportare benefici alla salute quando somministrati in quantità adeguate. In qualità di immuno-modulatori della risposta allergica, nelle nuove linee guida vengono raccomandati - in determinate situazioni - come terapia preventiva delle allergie, soprattutto l’eczema. Le raccomandazioni suggeriscono di considerare l’uso di probiotici in tre categorie di persone: donne in gravidanza ad alto rischio di allergie nei loro figli (- 9% di eczema), donne che allattano bambini ad alto rischio di sviluppare allergie (- 15% di eczema) e bambini ad alto rischio di sviluppare allergie (- 5% di eczema). E allora, i pediatri si mettano l’anima in pace, e aprano le porte ai probiotici “dei miracoli”, che tanto male non fanno.
Lucilla Vazza

In questo numero:


 ACP:
     :: Rinnovo quota sociale ACP 2015
     :: FAD Quaderni acp 2014: 2 febbraio conclusione lavori
     :: FAD Quaderni acp 2015: iscrivetevi subito!
     :: Quaderni acp: Nuovo look e non solo
 Niente Male Junior
 Corso di formazione Early Childhood Development
 Nascita pretermine e campagne di sensibilizzazione
 Transatlantic Forum on Inclusive Early Years
 Premio Nazione Nati per Leggere - Edizione 2015
 Adv segnala:
     :: Tavolo tecnico ministeriale sulla pediatria: i frutti della collaborazione
     :: Riunione network CRC
     :: Lettori e lettura
     :: Perché la povertà dei bimbi "ruba" la salute agli adulti
     :: Corso pre-master in finanziamenti europei
 Congressi ACP
     :: Tabiano XXIV, 20-21 febbraio 2015, Tabiano
     :: Mi fido di te! 13-14 marzo 2015, Roma
     :: Gli Argonauti, 27-28 marzo 2015, Bari
     :: XXVII Congresso Nazionale ACP, 15-16-17 ottobre 2015, Napoli
 Da UPPA: Quello che costa di più non sempre vale di più
 L’articolo del mese
 Newsletter Ambiente&Salute
 L'indice elettronico di Quaderni acp e Medico e Bambino

MONDO ACP

 

:: Rinnovo quota sociale ACP 2015

Care e cari amici dell’ACP,
vi ricordiamo, come di consueto in questo periodo dell’anno, di rinnovare la quota associativa per il 2015 e di farlo entro il 31 marzo.
Anche quest'anno potete farlo direttamente da casa vostra collegandoti al portale www.acp.it e utilizzando una delle modalità presenti nella pagina “Come iscriversi”.
Se avete già provveduto al rinnovo della quota vi consigliamo di verificare la vostra posizione sociale registrandovi al portale, dove accedendo all’area riservata potrete inoltre modificare la vostra anagrafica, acquistare i corsi FAD e altro ancora.
Come sapete la quota di iscrizione rappresenta l’unica voce di entrata per la vita e il sostentamento della nostra Associazione, che non accetta sponsorizzazioni dall'industria di latti e alimentazione per l'infanzia per nessuna delle sue attività, né per la rivista Quaderni ACP, né per i nostri tre congressi: il nazionale, Tabiano e Gli Argonauti.    [ Leggi tutto ]


:: FAD Quaderni acp 2014: 2 febbraio conclusione lavori

Vi ricordiamo che l’ultimo giorno di apertura del corso FAD 2014 è il 2 febbraio 2015 e che tale data, come da regole ECM, non è prorogabile. I discenti che hanno superato i quiz dei 6 moduli possono compilare la "scheda di valutazione dell’evento FAD", completando così il percorso formativo. Una volta compilata la scheda sarà attiva la sezione "Attestato ECM" dove si potrà scaricare l’attestato la cui validità sarà però effettiva entro 90 giorni dalla data di fine erogazione del corso. Il provider invierà comunque nei tempi indicati l'attestato tramite casella di posta elettronica certificata all'indirizzo mail indicato all'atto della registrazione alla piattaforma del corso (ACCMED) .
 

:: FAD Quaderni acp 2015: iscrivetevi subito!

Vi informiamo che è già possibile iscriversi al corso 2015 e come per le scorse edizioni attendiamo le vostre numerose adesioni. Il costo per i soci in regola con la quota rimane invariato (€. 50,00). Potreste effettuare un unico versamento (€. 150,00) comprensivo del rinnovo della quota sociale. Di seguito l'indice degli argomenti della nuova edizione. Per le istruzioni su come aderire fare click qui.
Una nuova regola ECM stabilisce che per i quiz non sono ammessi più di 5 tentativi, superati i quali non si hanno i crediti. 


 

 

:: Quaderni acp: Nuovo look e non solo

(Michele Gangemi Quaderni acp, 1, 2015)
Da questo primo numero del 2015 abbiamo deciso una nuova veste grafica della rivista che coincide con il cambio di tipografia da Cesena a Verona. Auspichiamo che il cambiamento di forma sia gradito al lettore e funzionale ai contenuti. Un ringraziamento va a tutta la Stilgraf di Cesena per la professionalità con cui ha costantemente svolto il proprio compito e a Giovanna Benzi per la passione e precisione con cui ha lavorato dietro le quinte, con stile e senza compenso da sempre. Ripartiamo dall’Adige con una tipografia che si dimostrerà all’altezza del compito dopo le inevitabili scosse di aggiustamento e, siccome una rivista si giudica anche dai dettagli, con una stampa su carta di ottima qualità con certificazione FSC. Cosa significa questo ennesimo acronimo? FSC e un sistema di certificazione che consente al consumatore finale di riconoscere i prodotti fabbricati con materie prime che vengono da foreste gestite in modo corretto dal punto di vista ambientale e sociale. Una foresta FSC e una foresta in cui il taglio e controllato e non pregiudica la salute globale dell’ambiente. La compattezza della redazione e il prezioso lavoro di Lori Olivieri saranno a garanzia della continuità del lavoro. Il tema delle copertine riguarderà per tutto l’anno 2015 “il bambino e il mare”, con una ricerca di immagini mai banale e sempre di qualità. Per un prossimo futuro attendiamo anche suggerimenti e contributi da parte dei lettori. Proseguiamo nell’assenza di sponsor e con l’accesso gratuito a tutti gli articoli in formato pdf, nella convinzione che la vera cultura in ogni ambito deve essere fruibile da tutti. [ Leggi tutto ]

 Niente Male Junior  

Si è svolto a Roma il 24 gennaio il recall per i formatori delle regioni Trentino, Liguria e Sicilia che nel 2015 avvieranno la formazione pediatrica periferica, alla presenza dei docenti del progetto (dott. Egidio Barbi, dott.ssa Franca Benini, dott. Fabio Borrometti, dott. Michele Gangemi, dott.ssa Maria Giuliano, dott. Luca Manfredini, dott.ssa Patrizia Papacci). I formatori sono stati divisi in gruppi, e ciascun gruppo ha lavorato insieme per preparare una relazione su uno degli argomenti del corso. La relazione è stata presentata e discussa e costituisce il materiale didattico che verrà utilizzato in ogni corso periferico.

 Corso di formazione Early Childhood Development

Il CSB propone un corso su Early Childhood Development per pediatri ed altri operatori socio-sanitari. L’importanza dei primi anni di vita ai fini della salute e del benessere nelle età successive è ben nota e tuttavia la formazione degli operatori chiamati ad assistere e sostenere famiglie e bambini in questi anni non è sufficiente a fornire agli operatori strumenti sia analitici che di intervento sufficienti e integrati tra loro. Il corso si propone di dare ai partecipanti opportunità di accrescere le proprie conoscenze, affinare la capacità di lettura delle situazioni e di intervento, soprattutto nella promozione di un buon sviluppo cognitivo emotivo e sociale sia per bambini con un background biologico e sociale buono sia per bambini che si trovano in condizioni di svantaggio. Il percorso formativo è concepito come una combinazione di studio e approfondimento a distanza tramite la lettura guidata di materiali e sessioni interattive condotte da esperti, e privilegia gli aspetti pratici finalizzati a migliorare la qualità della pratica corrente. Il programma è stato elaborato da un gruppo multidisciplinare di esperti (pediatri, psicologi, neuropsichiatri, pedagogisti, logopedisti, educatori) che, oltre a fornire i materiali di approfondimento, saranno poi presenti in diversi momenti del percorso formativo come conduttori delle sessioni residenziali.   Si tratta di un corso integrato, in parte residenziale (54 ore complessive) in parte a distanza (tempo stimato: 34 ore complessive). La componente residenziale si terrà a Trieste (sede CSB).
[ Vedi programma ]

Giorgio Tamburlini
Centro per la Salute del Bambino Onlus

 Nascita pretermine e campagne di sensibilizzazione
 

Il 17 novembre scorso, come ormai di consueto, si è celebrata la giornata mondiale del neonato prematuro. Pochi giorni prima l’OMS aveva reso noto che ogni anno in tutto il mondo 15 milioni di bambini nascono pretermine (<37 settimane complete di gestazione); che ogni anno la nascita pretermine e le sue complicanze sono responsabili di circa 1 milione di decessi di bambini al di sotto dei 5 anni; che tre quarti di questi decessi potrebbero essere evitati con interventi efficaci e cost-effective; e che il tasso di nascite pretermine varia tra il 5% e il 18% nei vari paesi. Nella stessa circostanza, la ministra della salute ha affermato che in Italia ogni anno nascono 50.000 neonati pretermine, i quali contribuiscono al 63% di tutte le morti entro i primi 5 anni di vita. Di qui la necessità di un piano a tutela di questi bambini che si concentri su tre punti principali: la prevenzione, la sicurezza dei punti nascita e l’assistenza post-ospedaliera. Nel 2013 sono nati nel nostro paese 514.000 bambini da madri residenti, ma non sappiamo esattamente quanti di loro erano di età gestazionale <37 settimane, poiché non vi sono statistiche nazionali che ce lo dicano. Le uniche disponibili sono quelle derivanti dai CedAP, che però si riferiscono ai parti e non ai nati e quasi sempre riportano dati incompleti.  [ Leggi tutto
Carlo Corchia

 Transatlantic Forum on Inclusive Early Years
 

Si é tenuto a Roma il 13 e 14 gennaio un seminario della TFIEY – Transatlantic Forum on Inclusive Early Years, a cui sono stato invitato in rappresentanza dell’ACP. Il progetto è coordinato dalla Fondazione Re Baldovino (Belgio) e promosso da Compagnia San Paolo e Fondazione Cariplo in collaborazione con Bernard Van Leer Foundation (Olanda), KalousteGulbenkian Foundation (Portogallo), Lego Foundation (Danimarca), Jacobs Foundation (Svizzera), Universal Education Foundation (Olanda), Berterlsmann Foundation (Geramania), Foiundation for Child Development (stati Uniti), Atlantic Philangtropies (Stati Uniti) e California Community Foundation (Stati Uniti). E’ un progetto che si sviluppa sia a livello internazionale sia con azioni realizzate sul territorio italiano in partenariato con Fondazione Zancan di Padova, Fondazione Cariplo, Fondazione Cassa di Ripsarmio di Padova e Rovigo e Fondazione CON IL SUD. Riguarda l’istituzione di un Forum transatlantico composto da ricercatori, esperti, operatori, decisori politici europei, statunitensi e canadesi, sul tema delle politiche per lo sviluppo dell’educazione e della cura della prima infanzia (0-6 anni), periodo che, come ormai unanimamente riconosciuto, particolarmente rilevante per lo sviluppo di strumenti conoscitivi, emotivi, linguistici, sociali e di salute dei bambini, con influenze determinanti sul percorso scolastico, professionale e sulla salute fisica e mentale dell’intera vita delle persone. Il Seminario di Roma è stato dedicato a: I Sistemi integrati, nuove frontiere per i servizi all’infanzia. Si è tenuto presso l’Aula del Palazzo dei gruppi Parlamentari ed ha visto la partecipazione di numerosi esperti italiani, con la presenza dell’On. Sandra Zampa (vicepresidente della Commissione parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza) e di altri parlamentari. Potete scaricare il mio intervento al seminario.
Giusepppe Cirillo

Grazie al contributo di Regione Piemonte, Città di Torino e Fondazione per il Libro la Musica e la Cultura, nasce nel 2010 il Premio nazionale Nati per Leggere, ora giunto alla sua sesta edizione. Il premio ha come obiettivo quello di riconoscere, premiare, e sostenere tutti gli operatori che sono coinvolti nella promozione di Nati per Leggere, sia come individui che come associazioni di enti pubblici o privati. Il Premio nazionale Nati per Leggere intende porre l'attenzione sulla produzione editoriale e sulla qualità dei libri per bambini, in particolare, da 0 a 3 anni e premiare le espressioni più vive e significative del progetto, valorizzando il lavoro di coinvolgimento di professionalità e servizi diversi, nella consapevolezza che il benessere dei bambini dipende dal benessere generale delle comunità in cui vivono.
Gli obiettivi del premio sono:
- promuovere la diffusione della lettura ad alta voce rivolta ai bambini;
- segnalare la migliore produzione editoriale per bambini in età prescolare e riconoscere l’impegno degli operatori attivi nei progetti locali;
- diffondere il lavoro in rete fra le diverse professionalità e istituzioni che operano per la promozione della lettura sul territorio;
- stimolare lo sviluppo di proposte editoriali di qualità.
Per i pediatri, come anche per gli altri operatori (editori, autori, bibliotecari, educatori), esiste una sezione speciale del premio, la IV sezione dedicata a Pasquale Causa, in ricordo di un pediatra ACP, della sua grande  passione e accurata ricerca scientifica. [ Leggi tutto ]
Stefania Manetti

 
:: Tavolo tecnico ministeriale sulla pediatria: i frutti della collaborazione
Con Adv di giugno 2014 vi informammo dell’istituzione presso il ministero della salute di un Tavolo tecnico sulla pediatria a cui partecipano ACP, SIP e FIMP. Il Tavolo si è riunito già due volte e dalla collaborazione delle tre società scientifiche nasce un documento comune redatto con le priorità assistenziali della pediatria e consegnato al direttore generale (dott.ssa Ugenti), e un documento congiunto sull'inutilità dell'ECG per la pratica sportiva non agonistica


:: Riunione network CRC
A Milano il 15 gennaio si è svolta la riunione plenaria del network CRC, in vista della stesura dell’ 8° Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia. Arianna Saulini (Save the Children, coordinatrice del network) ha ricordato il significato dell’essere parte del gruppo di lavoro per la Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e quanto questo comporti dal punto di vista operativo: partecipazione alle riunioni periodiche, contributo alla stesura del Rapporto annuale, impegno come capofila nella redazione di paragrafi del Rapporto (ACP è capofila con Giacomo Toffol nella stesura del capitolo “ambiente e salute infantile”), collocazione del Rapporto nei rispettivi siti web, impegno alla sua diffusione in ambito associativo, nei contatti esterni, nella promozione di attività di advocacy. Ha anche sottolineato che il 7° Rapporto CRC (pubblicato nel 2014 – www.acp.it), aggiornamento puntuale sull’attuazione dei diritti di bambini e adolescenti in Italia, portato a conoscenza degli organismi ministeriali, è tra gli strumenti per l’elaborazione del prossimo piano infanzia. Nell’incontro è stato rivisto l’indice dell’ 8° Rapporto ed è stata definita  la tempistica per la sua pubblicazione, prevista il 27 maggio 2015. Le Associazioni presenti all’incontro hanno anche approvato l’aggiornamento del capitolo preliminare sui diritti dei bambini nella fascia 0-3 anni, già presente nel Rapporto CRC 2013-2014, proposto e curato dal CSB.

Federica Zanetto

 
:: Lettori e lettura
Loretta Righetti ci invia questa nota Giovedì 15 gennaio l'ISTAT ha pubblicato i dati su lettori e lettura nel 2014. Nel 2014, oltre 23 milioni 750 mila persone di 6 anni e più dichiarano di aver letto almeno un libro nei 12 mesi precedenti l'intervista, per motivi  non strettamente scolastici o professionali. Rispetto al 2013, la quota di lettori di libri è scesa dal 43% al 41,4%. La popolazione femminile mostra una maggiore propensione alla lettura già a partire dai 6 anni di età: complessivamente il 48% delle femmine e solo il 34,5% dei maschi hanno letto almeno un libro nel corso dell'anno. La quota di lettori è superiore al 50% della popolazione solo tra gli 11 ed i 19 anni mentre la fascia di età in cui si legge di più è quella tra gli 11 e i 14 anni (53,5%). La propensione alla lettura è fortemente condizionata dall'ambiente familiare: leggono libri il 66,9% dei ragazzi tra i 6 e i 14 anni con entrambi i genitori lettori, contro il 32,7% di quelli con genitori che non leggono libri. Nel Mezzogiorno la lettura continua ad essere molto meno diffusa rispetto al resto del Paese: meno di una persona su tre nel Sud e nelle Isole ha letto almeno un libro (la quota di lettori è rispettivamente il 29,4% e il 31,1% della popolazione). Si legge di più nei comuni centro dell'area metropolitana: la quota di lettori è al 50,8%, ma scende al 37,2% in quelli con meno di 2.000 abitanti. Quasi una famiglia su dieci (9,8%) non ha alcun libro in casa; il 63,5% ne ha al massimo 100. I "lettori forti", cioè le persone che leggono in media almeno un libro al mese, sono il 14,3% dei lettori, una categoria sostanzialmente stabile nel tempo. http://www.istat.it/it/archivio/lettura



:: Perché la povertà dei bimbi "ruba" la salute agli adulti
"E' noto che la povertà produce cicatrici precoci nello sviluppo cognitivo del bambino che restano visibili per tutta la vita". Paolo Siani
[ Leggi l'articolo ]



:: Antonella Brunelli ci segnala il corso PRE-MASTER IN FINANZIAMENTI EUROPEi.
 

CONGRESSI ACP

:: TABIANO XXIV, 20-21 febbraio 2015

[ Il programma ]
[ I
Format per la presentazione degli abstract ]

SEGRETERIA SCIENTIFICA TABIANO “GIOVANI”
Silvia Mazzoni: silmaz9@yahoo.it
Adi Weiss: adiliw@yahoo.com


SEGRETERIA ORGANIZZATIVA /INFORMAZIONI
GRAND HOTEL TERME ASTRO
Tel 0524 565523
Fax 0524 565497
Email: info@grandhoteltermeastro.it

SEDE
Centro Congressi Grand Hotel Terme Astro
Via al Castello, 2 – 43039 Tabiano Bagni(PR)


 










:: Mi FIDO DI TE! Valorizzare le competenze del bambino, dell’adolescente e della coppia genitoriale

Auditorium Antonianum – Roma 13 e 14 Marzo 2015

Con la partecipazione di T.B. Brazelton, C. Trevarthen, J. Sparrow, N. Bruschweiler-Stern, K. Nugent

Organizzato da:
ACP (Associazione Culturale Pediatri), Associazione Natinsieme, Centro Brazelton Firenze, ISIPSÉ (Istituto di Specializzazione in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale).

Il sostegno alla genitorialità passa per il riconoscimento e la promozione, sia nei genitori che negli operatori, delle risorse, competenze ed intenzionalità creativa del bambino dalla nascita fino all’adolescenza. Sostenere la fiducia in queste capacità è alla base dell’approccio Brazelton, che dialogherà con la Psicologia dello Sviluppo e con la Psicoanalisi Relazionale che in anni recenti hanno contribuito al cambiamento di paradigma verso la prospettiva intersoggettiva. [ Leggi tutto ]









:: Gli Argonauti
Non è un paese (solo) per vecchi
Bari, 27-28 marzo 2015

[ la brochure ]
















:: XXVII Congresso Nazionale ACP
15/16/17 ottobre 2015, Napoli
 

Quello che costa di più non sempre vale di più
   Cinque cose da non fare

Vuoi ricevere UPPA? Fai clic qui.
Radesky JS, Schumacher J, Zuckerman B. 
Mobile and interactive media use by young children: 
the good, the bad, and the unknown.
Pediatrics. 2015 Jan;135(1):1-3


Inquinamento atmosferico e autismo
a cura di Giacomo Toffol
 
 

 Gli indici elettronici di Quadeni acp e MeB

Vi presentiamo l'indice elettronico di Quaderni acp, il bimestrale di informazione politico-culturale dell'ACP, che da questo numero ha una nuova veste grafica, e quello di Medico e Bambino, rivista di formazione professionale del pediatra e del medico di medicina generale, realizzata in collaborazione con l'ACP e fondata da Franco Panizon (Vi ricordiamo che per i soci ACP è previsto uno sconto per l'abbonamento a MeB).

Appunti di viaggio N.1/2015
A cura di: M. Francesca Siracusano e Paolo Siani con la collaborazione del Direttivo ACP
Editing e impaginazione: Gianni Piras

Share
Tweet
+1
Forward to Friend
Copyright © 2015 Associazione Culturale Pediatri, All rights reserved.


Non voglio più ricevere Appunti di viaggio    Aggiorna le tue preferenze 

Email Marketing Powered by Mailchimp