Copy
View this email in your browser
IL PRIMO ARCHIVIO COLLETTIVO DEI FOTOGRAFI FREELANCE  ITALIANI
L'EMERGENZA INFINITA - L'ACCOGLIENZA AI PROFUGHI
Potrebbe interessarti: http://www.today.it/rassegna/allerta-esercito-terrorismo-italia.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930
Luglio/Agosto 2016, centinaia di profughi sono arrivati a Como e bivaccano nei giardini attorno alla stazione ferroviaria, con la speranza di poter attraversare la frontiera (super sigillata) della Svizzera per poi arrivare in Germania. La maggior parte arriva dal Corno d'Africa e dal nord Africa e fra di loro sono parecchi i minori.  Per rispondere a questa emergenza la Caritas di Como ha organizzato presso l'oratorio di Sant'Eusebio una mensa. La cantante maliana Fatoumata Diawara ha regalato un suo concerto per le centinaia di profughi presenti.              ph Gin Angri
Progetto di assistenza e integrazione sociale dei migranti richiedenti asilo nella Provincia di Parma a cura di CIAC Onlus. Il lavoro quotidiano di un gruppo di richiedenti asilo che grazie a bravi operatori umanitari e mediatori culturali, riescono nel giro di un anno ad integrarsi socialmente in una delle nostre città. I giovani profughi vengono seguiti nello studio della nostra lingua fino all'avviamento al lavoro, un fattore essenziale che da loro sicurezza e dignità. L'inizio è difficile, tanti i traumi da superare, ma i ragazzi ce la mettono tutta e danno il meglio di se. Dopo lo sbarco a Lampedusa e l'inferno dei CIE, l'arrivo a Parma è per loro l'inizio di una nuova vita. La struttura che li accoglie – CIAC Parma Onlus - mette a loro disposizione un team di operatori carichi di umanità e professionalità. Ed il modo più concreto per costruire la loro nuova vita è quello di dare loro subito un tetto, una casa, un luogo tutto loro dopo mesi o anni di viaggi massacranti, violenze, precarietà, smarrimento, senso di non appartenenza.                                                                                                                                ph Livio Senigalliesi
Arrivano da Etiopia, Eritrea, Somalia, sono quasi tutti giovani e fuggono dalla povertà e dal pesante servizio militare che li obbliga tutti, ragazzi e ragazze, nei loro paesi eternamente in guerrra, e ci sono anche tanti bambini. Sono arrivati in gommone attraverso il Mediterraneo, o a piedi, lungo la via dei Balcani, e dopo mille peripezie si sono ritrovati nel limbo della stazione Centrale di Milano. La parocchia della Beata Vergine Assunta di Bruzzano, alla periferia nord della città, libera nel periodo estivo dai consueti impegni annuali, per il secondo anno consecutivo ne ospita più di novanta. E' un progetto di accoglienza a termine, fino ai primi di settembre, realizzato in collaborazione con la Fondazione Casa della Carità. Dal loro arrivo e per tutta la durata dell'accoglienza i rifugiati sono costantemente seguiti da operatori sociali, mediatori culturali e medici della Fondazione, insieme ai preziosi volontari che, ancora una volta numerosissimi, si sono mobilitati da Bruzzano e da altre parrocchie vicine: ad oggi sono già 80 le persone che si sono dette disponibili, alle quali si aggiungono una ventina di volontari dell'associazione Articolo 21 del carcere di Bollate. Il progetto é completamente autofinanziato, non prevede nessuno stanziamento di fondi pubblici; l'unico aiuto viene dal Comune di Milano, che fornisce i pasti attraverso la società Milano Ristorazione, quella che normalmente rifornisce le mense scolastiche. E' una piccola esperienza, che però dà un segnale a tutta la città, è un territorio che, con la sua società civile, i cittadini, il volontariato, i suoi spazi e le attività locali, scieglie di impegnarsi e di vivere l'estate nel segno dell'accoglienza; almeno per un mese i rifugiati possono vivere un periodo di tregua nel loro viaggio difficile verso una vita migliore.                                                                                                                                                       ph Dino Fracchia
Instagram
Copyright © buenaVista* photographers 2014, All rights reserved.
Our mailing address is:
info@buenavistaphoto.it

unsubscribe from this list    update subscription preferences 
 






This email was sent to <<Email Address>>
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
buenaVista* photo · . · . · Milano, Roma, Palermo, Napoli, Torino, Venezia, Como, Pescara, Bergamo, Parigi, . . · Italy

Email Marketing Powered by MailChimp